Fino a dicembre prezzo del pane bloccato a Matera e provincia. Un risultato raggiunto dall’Osservatorio monitoraggio dei prezzi, un organismo composto da rappresentanti istituzionali, dalle associazioni di categoria e dei consumatori, che questa mattina ha sottoscritto con i rappresentanti delle associazioni Confcommerio e Confesercenti provinciali di Matera, in rappresentanza anche dei panificatori di Matera, un  accordo che prevede il blocco del prezzo del pane (pezzatura di 1 kg con prezzo che va da un minimo di 1,40 € a un massimo di 2,20 € per tipologia di pane) fino al 31 dicembre 2008. Gli esercenti che aderiscono all’iniziativa, quindi, garantiranno ai consumatori il congelamento del prezzo finora corrisposto per l’acquisto di 1 kg di pane.

L’assessore regionale alle Attività produttive Vincenzo Folino ha sottolineato come il prezzo del pane bloccato rappresenti un primo segnale tangibile dell’azione messa in campo dal Tavolo di monitoraggio e realizzatasi grazie alla sensibilità dei panificatori di Matera che hanno sostenuto le sollecitazioni dell’Osservatorio. «Il risultato raggiunto – ha continuato Folino -  rappresenta un fatto simbolico e ci indica la direzione da seguire. A Matera il pane ha un valore culturale prima ancora che produttivo ed è un prodotto di qualità certificato con il marchio Igp. Adesso bisogna fare un passo in avanti cercando di estendere l’iniziativa alla provincia di Potenza e lavorare anche su altri prodotti. La forte dinamica inflativa ci richiama a nuovi modelli di consumo e di relazione tra produttori, distributori e consumatori con la finalità prevalentemente sociale di non escludere dai consumi, innanzitutto da quelli primari, fasce numerose di famiglie e cittadini in difficoltà economiche. Il passo successivo è quello di coinvolgere nell’iniziativa i produttori lattiero-caseari, di carni, salumi, ortofrutta e dei prodotti da forno per consolidare la diffusione delle nostre produzioni tipiche».

La Regione si impegna a promuovere una campagna di divulgazione dell’accordo raggiunto e a monitorare l’andamento dell’iniziativa per informare i consumatori e vigilare sulla corretta applicazione dell’accordo.

Sul sito www.basilicatanet.it nei prossimi giorni sarà disponibile un link per collegarsi all’Osservatorio dove sarà possibile trovare ulteriori informazioni.

Da Twitter