Le concessioni pluriennali e le concessioni stagionali già assegnate nel 2005 ai titolari degli stabilimenti balneari potranno essere prorogate per il 2008 in attesa dell’approvazione del Piano dei lidi. E’ quanto prevedono le direttive approvate oggi dalla Giunta regionale.

“Nelle more di approvazione della Variante al Piano regionale di utilizzazione delle Aree Demaniali Marittime del litorale Jonico e Tirrenico e del relativo Regolamento di Attuazione – si legge nel provvedimento - sono confermabili per il 2008 le concessioni stagionali di aree già rilasciate nel 2005. La riconferma riguarderà aree demaniali aventi la stessa localizzazione e le stesse finalità, quando non siano state interessate da fenomeni di erosione, persistano le condizioni di accessibilità e non costituiscano limitazioni allo svolgimento di funzione di interesse pubblico”.

Le richieste di riconferma delle concessioni stagionali dovranno essere indirizzate all’Ufficio Demanio Marittimo (via Annibale Maria di Francia n.40 - 75100 Matera) entro il trentesimo giorno dalla data di pubblicazione sul Bur del provvedimento approvato oggi dalla Giunta.

Il rinnovo delle concessioni pluriennali esistenti sarà consentito a condizione che i titolari siano in regola con i pagamenti dei canoni dell’imposta regionale, dichiarino di impegnarsi a versare eventuali somme per canoni delle annualità precedenti e/o per indennizzi risarcitori per abusi e morosità e s’impegnino ad adeguarsi, a proprie spese, alla Variante al Piano regionale di utilizzo delle aree demaniali marittime nei termini stabiliti dal suo Regolamento di Attuazione, dopo la sua approvazione.

“Con le direttive approvate oggi – ha affermato l’assessore Folino – gli operatori del turismo balneare potranno rapidamente ottenere la proroga delle concessioni stagionali e pluriennali per l’imminente stagione turistica. I nostri uffici stanno nel frattempo lavorando alla definizione del regolamento e della Variante al Piano regionale di utilizzo delle aree demaniali marittime  che servirà per dare una configurazione definitiva all’assetto delle aree demaniali, così come previsto dalla legge e come gli stessi operatori ci chiedono. Sono certo che a breve questo regolamento sarà portato all’attenzione della Giunta e del Consiglio regionale”.

Da Twitter