Utilizzare tutti gli strumenti a disposizione per favorire la riconversione industriale delle aziende del mobile imbottito in crisi, affrontando prioritariamente il tema della reindustrializzazione del sito Nicoletti. E’ l’obiettivo che la Regione Basilicata “intende perseguire con determinazione, anche alla luce delle risultanze dell’incontro svolto oggi nella sede del Ministero dello Sviluppo economico”.

E’ quanto afferma l’assessore alle Attività produttive della Regione Basilicata, Vincenzo Folino, il quale sottolinea “la comune strategia che punta, per le industrie che intendono trasformare il proprio processo produttivo, sulle politiche dell'innovazione previste dal nuovo bando sul made in Italy di ‘Industria 2015’ e sulle azioni connesse al Piano di attuazione nazionale dei fondi per le aree sottoutilizzate nei settori della Ricerca e Competività”, ma allo stesso tempo esprime “preoccupazione rispetto all’attuazione del protocollo Scajola per le aziende ancora in produzione del settore del mobile imbottito, che si trovano in una situazione di difficoltà e per le quali è più che mai necessario procedere con rapidità all’attivazione dell’annunciato fondo di garanzia nazionale per poter sostenere la ristrutturazione del debito”.

Folino, che domani invierà una lettera al ministro Scajola dove saranno ribadite le proposte della Regione Basilicata, auspica che il gruppo ristretto costituito oggi presso il Ministero per il riesame di tutti i punti del protocollo, al fine di verificarne l'attualità nonché di esaminare le principali modificazioni degli strumenti messi in campo negli ultimi anni, “riesca a svolgere rapidamente il proprio lavoro”, e sottolinea inoltre “la necessità di intervenire per favorire l'assorbimento della forza lavoro con gli strumenti della reindustrializzazione quali la legge 181 in corso di rivisitazione”.

Da Twitter