Il governo sostanzialmente è d’accordo perché le proposte che stanno emergendo sono tutte nell’ambito dei ragionamenti che si stanno facendo. Certamente sull’ultimo punto bisogna mettere in campo anche iniziative di livello alto, nazionale per rilanciare il Pollino nell’ambito di un rilancio più complessivo della montagna lucana. In effetti il programma delinea azioni di massima, poi bisognerà ragionare insieme ai Sindaci per mettere in campo le azioni concrete.

L’interrogativo che emerge, di cui colgo l’intento assolutamente positivo,  è sul punto dove in qualche maniera siamo noi a dire che prevediamo l’istituzione di un distretto agro alimentare, sud occidentale, eccetera.

Perché? C’è una questione più di fondo, colgo l’occasione per dirla qui, certamente le forze sociali possono proporre e nei distretti, così come stanno facendo, come qualcuno sta proponendo, la Camera di Commercio in particolare, per il nord occidentale. Io stesso ho interloquito con il Presidente della Camera di Commercio e gli ho posto un interrogativo e cioè se la risposta alle questioni che abbiamo, in termini di completamento e rafforzamento delle aree industriali artigianali, in termini di servizi, efficacia dei servizi e costi dei servizi, in termini di attrazione promozione industriale, sono cose che si risolvono con i distretti. A mio giudizio non è che si risolvono proprio con i distretti, tuttavia se c’è una spinta, un protagonismo da parte delle categorie degli operatori  si deve approfondire e ragionare.

Nel caso specifico di questa proposta di distretto, io non lo so se deve essere un distretto agroalimentare, se, come dire,  alle parole diamo l’esatto senso delle cose che si scrivono distretto alimentare significa cose specifiche, io invece sono tra quelli che pensa, per cui vediamo se si può raccogliere…

Presidente Fierro, sempre stante esattamente in questa logica e in questo ragionamento, io temo che la stessa legge 1,  che era sicuramente valevole quando è stata pensata, adesso ci pone degli interrogativi più grandi sullo stesso distretto, sul primo distretto, quello del salotto, ci pone  delle perplessità.

Lo stesso distretto agroindustriale del Vulture vive una grande difficoltà, il che non significa che non bisogna ripiegarsi nel confronto su questi strumenti, dico semplicemente che per quanto riguarda poi specificamente i quindici comuni oggetto di questo programma c’è in corso un’azione dei comuni che stanno già lavorando per mettere in campo un sistema turistico locale o un sistema produttivo locale, che è una particolare organizzazione, che abbiamo previsto nella legge recentemente approvata e che deve essere normata ovviamente dalla Giunta Regionale e che deve trovare anche una sua collocazione nel PTR, tant’è che il 19 si parlerà  anche di questo. Colgo l’occasione per ribadirlo, invito i Consiglieri a partecipare sabato 14 e giovedì 19 presso la Sala Inguscio a questi incontri per poter meglio ragionare su queste cose. Quindi, io sarei prudente nel dire che noi dobbiamo, come Consiglio, incentivare per istituire un distretto, cioè dando già una scelta chiara.

Terrei più in generale di favorire più che incentivare la promozione associativa, di concerto con gli enti locali e con i sindacati, però se si sta lavorando ad un sistema turistico locale che in realtà per essere tale ha bisogno di considerare anche l’artigianato ed anche l’agro alimentare di qualità, vediamo che cosa emerge dal territorio. Poi, come sapete, se le cose devono essere serie, si impegna la Giunta e la Giunta potrebbe impegnarsi. Come facciamo ad impegnarci per certo se non c’è questo confronto con il territorio?

Sappiamo che stanno lavorando comuni ed associazioni per un sistema produttivo locale. Rischiamo che da zero passiamo a due. Vediamo come si sviluppa questo primo momento associativo, dopo di che, ovviamente, poiché la legge lo consente,  chiunque potrebbe proporre distretto. Ma una cosa è che le forze sul territorio propongono il distretto, e un’altra cosa è che noi mettiamo il carro davanti ai buoi dicendo: “Si deve fare un distretto”. Solo questo.

 

 

Da Twitter