Consolidare un sistema scientifico competitivo a livello internazionale; formulare progetti di ricerca e di sviluppo industriale in settori quali salute, energia, sistemi di produzione, beni culturali, ambiente, valorizzazione culturale, sicurezza; potenziare l'organico del personale di ricerca attraverso il reclutamento di giovani ricercatori, lo sviluppo di interventi di informazione, formazione professionale ed alta formazione e la valorizzazione delle competenze del personale in organico; sviluppare infrastrutture di ricerca di livello europeo; promuovere attività di innovazione e trasferimento tecnologico anche mediante il sostegno alla creazione di spin-off.

Sono, in estrema sintesi, gli obiettivi dell'Accordo Quadro che la Regione ed il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) si apprestano a firmare per sviluppare rapporti di collaborazione in Basilicata.

Il documento, che è stato approvato dalla Giunta regionale su proposta dell'assessore alle Attività produttive Vincenzo Folino, prevede investimenti per 20 milioni di euro, che saranno suddivisi in parti uguali fra Regione  e Cnr.

"Con questa iniziativa - spiega l'assessore Folino - prosegue e si  rafforza una attività di collaborazione istituzionale a sostegno delle infrastrutture  di ricerca di qualità, che ha già visto il raggiungimento di importanti intese con il ministero dell'Università e con la Fiat. In questo caso puntiamo a consolidare la presenza in Basilicata del Cnr, che con i suoi istituti contribuisce ad elevare la qualità del trasferimento di tecnologie e  quindi ad accrescere la competitività delle imprese. Ma vogliamo anche chiamare a responsabilità il Cnr, perché sul piano nazionale dia adeguato spazio agli istituti presenti in Basilicata, che operano a livelli di riconosciuta eccellenza. Dare continuità a questa linea di indirizzo, che ha consentito a diversi giovani ricercatori di trovare una collocazione, significa anche consolidare occasioni di lavoro in un settore strategico per lo sviluppo della Basilicata".

"Nella difficile congiuntura economica attuale - conclude Folino - mobilitare le eccellenze presenti nel campo della ricerca e del trasferimento di  tecnologie è la condizione essenziale per accrescere la competitività del sistema produttivo regionale. In questo senso il governo regionale intende operare per fornire al sistema delle imprese nuove occasioni di crescita sotto il profilo dell'innovazione tecnologica".

Da Twitter