"Occorre tutelare il pluralismo e la qualità dell'informazione e della comunicazione rafforzando gli strumenti e le funzioni del Corecom e creando condizioni di equità e di  trasparenza". Lo ha detto in serata il vicepresidente della Giunta regionale, Vincenzo Folino, concludendo a Matera i lavori della prima giornata della Conferenza programmatica sulla comunicazione  organizzata dal Corecom. "Bene ha fatto Il presidente della Regione Vito De Filippo - ha  ricordato Folino - nel mese di luglio scorso a riunire intorno a un  tavolo tutti gli attori del mondo dell'informazione e della  comunicazione per definire un sistema di regole capace di far crescere i mezzi di informazione e, al contempo, di assicurare criteri di equità e di trasparenza nell'assegnazione della  pubblicità istituzionale. Regole che devono riguardare la Regione e gli enti subregionali. In questo contesto ognuno deve fare la sua  parte: il Corecom deve fare il suo lavoro anche di controllo, la politica deve completare gli investimenti in materia di Ict e favorire l'integrazione tra fibra ottica e banda larga per  consentire a tutti uguali opportunità, l'informazione mantenere integra la sua indipendenza. La politica vuole investire risorse nella comunicazione evitando qualsiasi tipo di ingerenza nel mondo dell'informazione. Ma la trasparenza e l'indipendenza non dipendono solo dalla politica, ma anche da chi opera nel sistema della comunicazione. Ognuno deve assumersi le sue responsabilità. Le istituzioni devono investire risorse garantendo, al contempo, criteri di armonia, equità e competitività. E aiutando anche chi non  ha ancora la dimensione di impresa economica ad affrontare questo viaggio. In questo senso - ha concluso Folino - nei provvedimenti che stiamo mettendo a punto per favorire la competitività delle  imprese è ragionevole immaginare che anche le aziende editoriali possano cogliere l'opportunità di sviluppare i propri investimenti".

Da Twitter