“La promozione territoriale va affrontata in un’ottica di sistema e di cooperazione istituzionale, anche con la vicina regione Puglia”. Lo ha detto il vicepresidente della Giunta regionale e assessore alle Attività produttive, Vincenzo Folino, intervenendo alla giornata conclusiva del Progetto Canada promosso dalla Provincia di Matera e dalla Regione Basilicata per valorizzare i prodotti tipici locali e il turismo. “Va dato atto alla Provincia di Matera di aver realizzato questo progetto attraverso un’azione di raccordo istituzionale lasciando aperta la voglia di protagonismo degli enti locali. I contratti fra le nostre imprese e quelle canadesi sottoscritti attraverso questa iniziativa rappresentano il segno tangibile della necessità di finalizzare i progetti a risultati concreti. Ma altrettanto importante è il trasferimento delle opportunità offerte dal nostro territorio in termini paesaggistici e ambientali. Per questo, oltre che di marchio, occorre parlare di sistemi produttivi territoriali. Vi sono tante Basilicate turistiche e produttive, ma occorre avere la consapevolezza, così come ho verificato a Londra partecipando al World Travel Market, che la nostra regione è piccola e fragile nei numeri e nelle dimensioni ed è pertanto indispensabile continuare i percorsi di internazionalizzazione, da un lato, e dall’altro aiutare le imprese a costruire modelli adeguati, anche attraverso attività formative nelle aziende, con le università e con le istituzioni culturali estere. Nella globalizzazione – ha aggiunto Folino – una piccola regione non può pensare di cimentarsi con i mercati di massa, ma deve collocare i suoi prodotti sui segmenti elevati del mercato. In questo processo gli operatori, gli imprenditori devono sentirsi protagonisti perché senza il loro spirito di iniziativa ogni sforzo rischia di cadere nel vuoto. Nella nostra regione, a partire dalle aree più deboli, come la montagna e la collina materana, c’è un giacimento di produzioni tipiche che deve essere collocato sui mercati di qualità. Ecco perché l’azione della Provincia di Matera ci trova concordi. Lo sviluppo dei territori passa anche e soprattutto attraverso queste azioni. Dobbiamo portare un pezzo della nostra qualità nel mondo, compresa la possibilità di utilizzare il tema dell’integrazione come una grande opportunità, a partire dagli immigrati che possono offrire il loro prezioso contributo sul fronte della manodopera e animare le nostre piccole realtà. Su questi temi è necessario riflettere investendo sui giovani, che rappresentano la nostra vera infrastruttura per lo sviluppo”. In merito ai trasporti, Folino ha citato la sua recente esperienza a Londra: “I grandi operatori turistici internazionali hanno confermato che uno scalo aeroportuale è importante, ma è ancora più importante raggiungere quelli già esistenti, Bari o Brindisi, in tempi accettabili. E la recente notizia che si sono trovati i soldi per completare la Jonica rappresenta una positiva notizia per gli operatori turistici, per gli imprenditori, per i cittadini e per tutta la regione. Occorre riorganizzare i servizi di trasporto – ha concluso Folino - verso il Metapontino, il Pollino e la montagna materana e potentina per rafforzare la direttrice Bari – Matera considerato che la città dei Sassi rappresenta la principale porta di accesso alla Basilicata non solo per un il turismo internazionale, ma anche per quello di prossimità”.

Da Twitter