La legge regionale sulla nuova disciplina del difensore civico, approvata oggi dal Consiglio regionale, rafforza la cultura della difesa civica estendendo i compiti dell’ufficio regionale affinché vengano esaltate le forme di garanzia e di tutela delle fasce più deboli della società”. Lo ha detto il presidente del gruppo consiliare dei Democratici di sinistra, Vincenzo Folino, per il quale “l’approvazione all’unanimità del provvedimento, maturata in un clima di confronto positivo fra tutte le forze politiche, è un buon viatico per le scelte impegnative che il Consiglio regionale è chiamato ora a compiere con la riscrittura dello Statuto regionale”.

In questo senso – ha affermato ancora Folino - giudico positivamente l’iniziativa del consigliere Di Sanza, che ha riproposto all’attenzione dell’Aula la bozza di nuovo Statuto messa a punto dalla Commissione speciale della precedente legislatura, che costituisce una valida base di discussione da cui partire per giungere a un nuovo documento”.

Folino ha affermato, inoltre, che “dopo l’approvazione della finanziaria ed il conseguente dibattito politico che si è aperto, è giunto il momento di avviare la discussione sulla nostra carta fondamentale, istituendo una Commissione speciale per lo Statuto, che possa operare in parallelo con l’azione del governo regionale sul riordino della governance. Occorre inoltre avviare la Commissione di controllo già definita nella conferenza dei capigruppo, la cui presidenza va affidata ad un esponente dell’opposizione”.

Da Twitter