basilicatacartinaweb

"Rispondendo positivamente alle sollecitazioni del gruppo del Partito Democratico, il ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, oggi, nella riunione congiunta delle Commissioni Attività produttive di Camera e Senato, ha annunciato che convocherà rapidamente il presidente della Regione Basilicata per affrontare le diverse questioni aperte sul tema delle estrazioni petrolifere, in uno spirito di cooperazione e per addivenire in tempi rapidi ad una nuova intesa istituzionale".

E' quanto afferma il deputato democratico Vincenzo Folino, il quale esprime "soddisfazione per la disponibilità del ministro, che, aderendo al dispositivo di un ordine del giorno presentato da me con i colleghi Speranza e Antezza e approvato dall'Aula, ha mostrato di aver ben compreso l'importanza, la particolarità e l'estrema complessità, per il Governo e per il Paese ma anche per la Regione e per i cittadini lucani, delle questioni attinenti alle estrazioni petrolifere, manifestando la volontà di promuovere la cooperazione istituzionale fra Governo e Regione". "Sono certo – conclude Folino – che il presidente della Regione Pittella saprà ben rappresentare al tavolo con il Governo gli interessi della Basilicata, sia dal punto di vista della tutela ambientale, della salute e della sicurezza dei cittadini che per quanto attiene alle risorse finanziarie necessarie per superare il ritardo infrastrutturale della Basilicata e per promuovere lo sviluppo economico e l'occupazione".

Roma, 9 aprile 2014

 

DICHIARAZIONE ANSA DEL MINISTRO GUIDI:

(ANSA) - ROMA, 9 APR - E' intenzione del ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi , "convocare il prima possibile un tavolo istituzionale" sulla questione energetica in Basilicata, regione di grande interesse per la ricerca di idrocarburi. Lo ha annunciato lo stesso ministro nel corso di un' audizione alla Commissione Attività produttive della Camera e Industria del Senato. Al tavolo, ha spiegato, siederà anche il presidente della Regione, "perché ne sia parte attiva e per avere un confronto istituzionale aperto, in modo da far diventare la regione un caso di scuola con la sinergia tra il governo e gli enti locali, per conciliare le esigenze dell' ambiente e del territorio e quelle dell' interesse nazionale per la diversificazione delle fonti energetiche".(ANSA).

Da Twitter