unibasWEB

 

“Con l’inaugurazione dell'anno accademico la comunità dell’Unibas deve fare i conti ancora una volta con i tagli e i mancati investimenti del governo. Le politiche di Renzi hanno provocato gravi danni agli atenei italiani e in particolare a quelli del Sud”. E’ quanto dichiara Vincenzo Folino, deputato lucano di Sinistra Italiana, che oggi a Potenza ha partecipato alla cerimonia di inaugurazione dell’anno accademico dell’Università degli Studi della Basilicata.

A suo parere “la mancata estensione dell’indennità di disoccupazione a dottorandi di ricerca, assegnisti e borsisti universitari, che rappresentano il 48% del personale che si occupa di didattica e ricerca, la totale mancanza di risorse per il diritto allo studio nell’ultima legge di stabilità, la drammatica situazione in cui versa la ricerca di base nel nostro Paese che costringe i nostri migliori scienziati a trasferirsi all'estero, dimostrano quanto il governo Renzi abbia smesso di investire in un comparto così strategico per il futuro del Paese”.

“E’ necessario rilanciare una proposta complessiva di riforma dell’università – aggiunge Folino - che parta dalla gratuità, da una gestione collegiale e democratica, dal ruolo sociale dell’università, da un piano di investimenti straordinari in didattica e ricerca e in assunzioni stabili e remunerate. Un piano che valorizzi anche le peculiarità dei piccoli atenei come quello lucano, che negli ultimi anni nonostante le difficoltà è cresciuto e dove occorre innanzitutto consolidare le attività di ricerca. In questo senso, è venuto il momento di riaprire una discussione anche sulle normative che a partire dalle leggi n. 12/2006 e 33/2010 la Regione Basilicata ha approvato per il sostegno finanziario all’Unibas, che va ulteriormente implementato per garantire un futuro all’ateneo lucano”.

Potenza, 21 marzo 2016

 

Da Twitter